TV… Ci casco di nuovo!

TV… Ci casco di nuovo!

TV… Ci casco di nuovo!

Eccolo il titolo volutamente provocatorio che attira il click! :) 

In realtà ci sono tanti modi di cadere, alcuni dolorosi, altri semplicemente sicuri. Un po’ come Babbo Natale che scende dal camino…
Ho scritto già più volte di come quando ci si presenta difronte a giurie televisive sia enormemente facile essere travolti, vuoi per incompetenza (sacrosanta, non si può essere tuttologi) dei giudici, vuoi per condizioni “ambientali” particolari, vuoi per una serie di circostanze che pesano sulla psicologia dell’uomo e ne alterano le prestazioni artistiche… 
Però, a noi comici sfigati terrestri, le lucine della tv ci piacciono così tanto che non riusciamo a tenercene alla larga. E ci buttiamo (da qui la caduta, vedi il titolo)… forse alla ricerca dell’occasione della vita, o semplicemente di una conferma. Va da se che poi quello che viene viene, dobbiamo essere pronti a qualsiasi esito. Fa parte del gioco. Si perché quello che per noi è lavoro per il “sistema” è gioco. E noi accettiamo di fare questo salto CONSAPEVOLMENTE.
Ecco… ci piace rischiare di farci male, metterci per la millesima volta nelle grinfie del “giudice” crudele per sadismo e narcisismo. Sarebbe bello avere delle certezze, ma la realtà è che quando vai come concorrente in TV sei certo solo di fartela addosso. :) 
Poi c’è chiaramente tv e tv… e bene o male io le ho fatte un po’ tutte :D 
Veniamo al dunque.
Vedrete ISOTTA presto in TV?
NO.
Ma solo perché mi piaceva dimostrare a chi mi segue che non esiste solo Isotta.
Vedrete altro. :)
E ci sarà da ridere!
Pensate che sia folle a presentarmi ancora difronte ai giudici? probabilmente si. Ma mi diverto da morire. 
Ah… molti di quelli che dicono che sono tutte montature e che la tv fa schifo e certe trasmissioni bla bla bla… sono gli stessi che fanno i provini 100 volte e non li prendono mai. 
Rosicano, ma non riescono a risicare perché non ne hanno i mezzi. 
Presto vi darò delle notizie un po’ più precise! State sintonizzati!
@il ventriloquo Nicola Pesaresi